La querela di Felice Maniero

Foto tratta da 'Il Gazzettino' del 21 giugno 2013

Da uno schizzo fatto su un foglio di carta nasce la T-shirt ispirata a Felice Maniero. La composizione comprende la faccia sorridente del boss del Brenta, tre fori di proiettile, il titolo di un articolo di stampa sulla celebre rapina al Casinò e la scritta in dialetto 'Fasso rapine'.
Il capo d'abbigliamento ha immediatamente suscitato grande interesse nei Social Network dove sono fioccate le richieste da parte degli utenti.
Ben presto è arrivata anche la querela di Felice Maniero, il quale accusa l'imprenditore Stefano Cigana di aver violato la sua privacy e i diritti di immagine. «Io lo querelo- dice l'ex boss della Mala del Brenta - Come si permette di utilizzare la mia immagine? Non mi ha chiesto alcuna autorizzazione e, in più, la usa per pubblicizzare il crimine.» La vicenda si è conclusa in cavalleria tra i due. L'ex boss Felice Maniero ha ritirato la querela e Stefano Cigana non ha messo in distribuzione il prodotto.

← Dal progetto bocciato all'idea genialePakkiano, il brand ribelle →